SONDAGGIO:

--- IL SONDAGGIO ---

Siete d'accordo con l'ordinanza di sospensione dell'impianto di Eni-Versalis emessa dal Sindaco?

Loading ... Loading ...
Home Politica San Pietro, Carella (Senso Civico): “Al Sindaco viene imputato un crack da 530 mila euro, si dimetta per la tutela del nostro paese”
San Pietro, Carella (Senso Civico): “Al Sindaco viene imputato un crack da 530 mila euro, si dimetta per la tutela del nostro paese”
0

San Pietro, Carella (Senso Civico): “Al Sindaco viene imputato un crack da 530 mila euro, si dimetta per la tutela del nostro paese”

0

SAN PIETRO – Dopo l’Avv. Cursi, è il consigliere di “Senso Civico” Valentina Carella a chiedere nuovamente le dimissioni del Sindaco Rizzo.

Il consigliere Carella precisa che il primo capo d’accusa mosso dai Magistrati è la bancarotta fraudolenta mediante false comunicazioni sociali, che avrebbe causato il dissesto di Fiscalità Locale e riguarda il periodo compreso tra il 2010 ed il 2014.
In sintesi, secondo i PM, nella sua precedente Amministrazione, Pasquale Rizzo avrebbe attestato l’esistenza di crediti, che secondo l’accusa erano in realtà passività, tenendo in vita la società e portandola alla bancarotta. Questo avrebbe portato a un crack di circa 530 mila euro.
‘Alla luce di questi fatti reali e non a fantomatiche allusioni” il consigliere si chiede se il Comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo: “se sì vorrà dire che il Comune si costituirà contro il suo massimo esponente, se non dovesse farlo vorrà dire che il Sindaco espone il Comune stesso ad un danno economico non indifferente”.
In entrambi i casi la questione porrebbe un grosso problema politico, anche se il Sindaco aveva dichiarato la disponibilità, qualora il Consiglio lo avesse deciso, di costituirsi parte civile.
Per evitare ogni dilemma “faccia l’unica cosa responsabile che un vero Sindaco deve fare: si dimetta per la tutela del nostro paese” conclude la nota dell’esponente di Senso Civico.

Luigi Epifani