SONDAGGIO:

Mi dispiace, al momento non ci sono sondaggi.
Home Cultura L’insostenibile leggerezza dell’essere donne. Geppi Cucciari conquista il Verdi con il monologo “Perfetta”
L’insostenibile leggerezza dell’essere donne. Geppi Cucciari conquista il Verdi con il monologo “Perfetta”
0

L’insostenibile leggerezza dell’essere donne. Geppi Cucciari conquista il Verdi con il monologo “Perfetta”

0

Il monologo di Mattia Torre andato in scena ieri al Verdi diverte e convince grazie, oltre che ad una magnifica scrittura, a una splendida Geppi Cucciari.

La comicità dissacrante e la riflessione disincantata di un grande scrittore dei giorni nostri – quel Mattia Torre autore di Boris, de La linea verticale, di Figli fra le altre cose che ci ha lasciato troppo presto l’estate scorsa – diventa l’abito perfetto per un’attrice, Geppi Cucciari, che ha fatto sempre di un cinismo intelligente la sua cifra stilistica. Così, parlare del ciclo mestruale, smette di essere un tabù e diventa un’autoanalisi collettiva, una sorta di viaggio alla scoperta di noi stesse e del paese in cui viviamo. Perfetta è uno spettacolo che viene scandito proprio dalle quattro fasi del ciclo femminile e che ne conserva il ritmo e i cambiamenti di registro, in una trasformazione da biologia a letteratura che esplora la ciclicità dell’essere donne. Ciclicità è una parola che diventa centrale nel monologo e che viene contrapposta alla linearità che caratterizza l’uomo; d’altronde i contrasti, le contrapposizioni, il continuo “gioco degli opposti” erano caratteristiche peculiari della scrittura di Torre, non solo negli argomenti ma anche nello stile: la comicità quasi portata all’estremo al servizio di una capacità di osservazione e di analisi della realtà che pochi hanno; il serio e il faceto che si guardano in faccia e decidono di mescolarsi per raccontare il Paese. Quello che racconta Geppi Cucciari nel monologo non è, infatti, solo la donna che interpreta. Intorno a lei si muove un universo invisibile sulla scena di interazioni, di tipi umani, di luoghi, di momenti di vita quotidiana, una vita routinaria che però riesce a trasformarsi e sembrare sempre diversa in ognuna delle quattro fasi, in cui cioè essere lunatica non è un insulto, una considerazione sgradevole, ma diventa ricchezza e consapevolezza di saper cambiare. “Io sono la Luna”, afferma ad un certo punto Cucciari, io posso cambiare. E passare dall’incanto al disincanto, dalla non sopportazione all’amore (“amo mio marito perché è gentile e la gentilezza è l’unico atto politico che ci è rimasto”), dall’apatia alla produttività sfrenata, da un dinamismo radiante all’apocalisse. E vedere, così, ogni volta lo stesso mondo in modo diverso, la stessa città, lo stesso quartiere da un punto di vista completamente differente. Il cinismo di cui è permeato il monologo non è spietato né assoluto, è una corazza per difendersi da una vita ingarbugliata ed è sempre al servizio di un racconto, mai fine a se stesso. Anzi, spesso si trasforma anch’esso e diventa poesia, tenerezza davanti all’incanto dell’Universo. Difficile immaginare un’interprete diversa per un monologo come questo, quindi. Geppi Cucciari è perfetta, dissacrante e poetica, cinica e delicata nel delineare le tante facce della femminilità. Quello che le donne non dicono, lo ha detto lei.

F. Taurisano